Recensione PureVPN 2022 (Dicembre)

0 Condivisioni

Una VPN ricca di funzionalità con alcuni fantastici componenti aggiuntivi.

PureVPN opera nel settore delle VPN dal 2007, quindi non sorprende che l’azienda abbia creato un lungo elenco di funzionalità.

Il servizio copre la maggior parte delle basi tecniche: crittografia avanzata tramite OpenVPN e IKEv2 (WireGuard è in versione beta), protezione da perdite DNS e IPv6, supporto torrent, tunneling diviso per controllare quali app utilizzano la VPN e un kill switch intelligente per proteggerti se la VPN cade.

Il supporto della piattaforma è un punto culminante, con app dedicate per Windows, Mac, iOS, Android e Linux, estensioni per Chrome e Firefox e altri download e tutorial per aiutarti a configurarlo su router, Kodi, Android TV, Fire TV Stick di Amazon e di più.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE PUREVPN CON 68% di sconto (piano 2 anni)

*lo sconto funziona solo se acquisti un abbonamento per 2 anni

Puoi utilizzare il servizio su un massimo di 10 dispositivi contemporaneamente e, con un bonus insolito, PureVPN ti consente di condividere questi 10 slot con la tua famiglia. Se hai quattro persone con telefoni, ad esempio, ciascuna può installare e utilizzare PureVPN con il proprio login e sarai comunque in grado di connettere altri sei dispositivi a casa.

Questa ristrutturazione apparentemente ha comportato la rimozione di server virtuali più lenti, il che non è necessariamente una cattiva idea. E anche il numero ridotto di posizioni di PureVPN è molto più elevato di molti concorrenti (StrongVPN ha 46 sedi in 35 paesi, ad esempio, e Mozilla VPN ha 40 sedi in 30 paesi).

I recenti miglioramenti al servizio includono l’aggiornamento di più server da connessioni da 10 Gbps a 20 Gbps. Un post sul blog ha annunciato l’aggiornamento per i server a Londra, Manchester e Washington DC e PureVPN afferma che più località “diventeranno attive entro la fine di quest’anno”.

Altrove, l’azienda si è trasferita da Hong Kong alle Isole Vergini britanniche. Forse la cosa migliore è che ha avuto un nuovo audit di non registrazione (ne parleremo più avanti).

Prezzi PureVPN

Il prezzo inizia leggermente superiore alla media a $ 10,95 fatturati mensilmente.

Il piano annuale ha un buon rapporto qualità-prezzo a $ 3,74 al mese, soprattutto perché copre fino a 10 membri della famiglia. Ma ciò è in parte dovuto a uno sconto una tantum e si rinnova a $ 5,83.

Un piano speciale di due anni ha un prezzo di $ 2,91 al mese. Ci sembra buono, ma si rinnova anche con il normale piano annuale da $ 5,83 al mese.

Il carrello ci offriva molti extra, inclusi IP dedicati, port forwarding e protezione DDOS. Abbiamo fatto clic sull’opzione Acquista per ciascuno e si sono aperte delle caselle che ci chiedevano di scegliere un paese. Tuttavia, questi non mostravano alcun elenco di paesi, quindi non abbiamo potuto acquistare nulla. Abbiamo provato Chrome ed Edge, finestre normali e in incognito per escludere problemi con il browser, ma il sito non funzionava da nessuna parte.

Privacy e registrazione

L’Informativa sulla privacy di PureVPN inizia bene, con un lungo elenco di tutti i dati che il servizio non registra: “NON conserviamo alcun registro delle tue attività di navigazione, registri di connessione, record degli IP VPN assegnati a te, il tuo IP originali, il tuo tempo di connessione, la cronologia della tua navigazione, i siti che hai visitato, il tuo traffico in uscita, il contenuto o i dati a cui hai avuto accesso o le query DNS da te generate.’

Sembra fantastico! Ma è un po’ troppo semplificato. La società afferma nella parte superiore della pagina che non mantiene i registri delle connessioni, ad esempio, ma scorri verso il basso e c’è una sezione intitolata “Informazioni incluse nei registri delle connessioni VPN” in cui elenca i dettagli che raccoglie. Vale a dire il giorno in cui ti sei connesso a una posizione specifica, il tuo ISP, la lunghezza della connessione, quante connessioni fai e il totale complessivo della larghezza di banda che usi (non per connessione, a quanto pare).

  ExpressVPN funziona con Netflix in 2022 (Dicembre) (risoluzione dei problemi e correzione)

Non c’è registrazione dell’IP di origine, dell’IP di destinazione, dell’ora specifica in cui ti sei connesso o delle tue attività successive, quindi è molto improbabile che questi dati limitati compromettano la tua privacy. Ma pensiamo che sia una cattiva idea dire “non registriamo i tuoi registri di connessione” nella parte superiore della pagina, quindi, solo un po’ più in basso, elenca le modalità di registrazione delle connessioni.

La politica afferma inoltre che PureVPN utilizza “alcuni strumenti” nelle sue app per “condurre la diagnostica VPN e monitorare i rapporti sugli arresti anomali”. Ma poi continua elencando Google Analytics, iTunes, Crashlytics, Apptentive, Firebase, New Relic, MixPanel e Facebook Pixel, che potrebbero essere più di quanto ti aspettassi.

Questo tipo di segnalazione degli arresti anomali non è raro, ma ci aspettiamo che sia facoltativo, e non è il caso qui. Non c’è “Invia dati di arresto anomalo?” opzione in Impostazioni: PureVPN lo invia a prescindere (e se non leggi l’informativa sulla privacy, non sapresti mai che sta succedendo).

Nessun controllo di registrazione

Nel 2020 PureVPN ha annunciato di aver superato un audit di non registrazione da parte di KPMG, che ha concluso che il servizio non registra l’indirizzo IP di origine di un utente, l’IP VPN assegnato da un utente, l’ora specifica in cui un utente si connette a un server VPN o registra un le attività dell’utente attraverso la sua connessione VPN.

PureVPN afferma inoltre di aver optato per una politica di audit “always-on”, il che significa che KPMG può “avviare un audit della privacy non programmato in qualsiasi momento dell’anno, senza alcun preavviso”. Abbastanza sicuro, nell’agosto 2021, la società ha riferito di aver superato un secondo audit di non registrazione.

Questi controlli sembrano essere accurati, con PureVPN che afferma che implicano “l’ispezione della nostra complessa infrastruttura, configurazioni del server, codebase, registri di dati tecnici e server globali”, insieme a “interviste del nostro personale coinvolto nella manutenzione del server e nella gestione del database .’

I rapporti non sono stati resi pubblici, quindi non puoi controllare tu stesso i dettagli. E stanno solo tentando di verificare la principale politica di non registrazione: non cercano problemi di privacy in generale.

Tuttavia, non ci lamentiamo: anche con queste limitazioni, qui c’è molto più rassicurazione di quella che otterrai con la maggior parte delle VPN. Si spera che PureVPN continui con controlli regolari e renda disponibili tutti i rapporti, non solo una o due frasi.

App

Registrarsi con PureVPN è abbastanza facile e siamo stati felici di vedere che la società ha ripristinato la sua opzione di pagamento con Bitcoin (tramite CoinGate), così come con carta di credito e PayPal.

Dopo aver separato i nostri soldi, il sito Web ci ha indicato di scaricare collegamenti per Windows, Mac, iOS, Android, Linux, le estensioni del browser e altro ancora. Abbiamo preso il client Windows e, durante il download, è arrivata un’e-mail di benvenuto con i dettagli di accesso.

L’interfaccia dell’app è semplice e molto semplice, in effetti per lo più solo spazio bianco. Un pannello di stato mostra la posizione consigliata e toccando l’elenco delle posizioni ne vengono visualizzate altre. C’è un grande pulsante On/Off per connettersi e disconnettersi e alcune piccole icone della barra laterale per altre aree dell’app (Impostazioni, Guida, Account).

Il selettore di posizione è migliore della maggior parte, con un elenco di Posizioni recenti, un sistema di Preferiti e un elenco di paesi ricercabile con tempi di ping per aiutarti a individuare il più veloce.

  Ne vale davvero la pena una VPN? 2022

Facendo clic su una freccia a destra di un paese, questo si espande per elencare tutte le città. È un’idea familiare, ma la maggior parte delle app VPN mostra quel tipo di indicatore “espandimi” solo quando un paese ha più posizioni. PureVPN lo fa per tutti i paesi, quindi abbiamo ampliato regolarmente un elenco per scoprire che includeva solo una città.

C’è un altro problema nella scelta di una posizione P2P preferita. “Scegli uno con un’icona P2P”, afferma il sito Web PureVPN. Ottimo, tranne che durante la nostra recensione, l’app di Windows non mostrava l’etichetta P2P. Questo era visibile solo sulle app mobili.

I tempi di connessione sono stati veloci di circa tre secondi per IKEv2, da quattro a cinque secondi per OpenVPN (abbiamo avuto altre app che ci hanno fatto aspettare dai 10 ai 20 secondi con OpenVPN). Le notifiche desktop ti avvisano quando sei connesso.

App mobili

Abbiamo dato un’occhiata all’app Android di PureVPN ed era più o meno la stessa storia della versione Windows. Ha un’interfaccia quasi identica, la stessa scelta di protocolli (OpenVPN o IKEv2) e un sistema di tunneling diviso.

Il sito Web afferma con orgoglio che “PureVPN è uno dei pochi migliori provider VPN che offre un kill switch Android che si integra perfettamente e funziona perfettamente”, ma non abbiamo visto alcun kill switch nelle impostazioni. Non ci sono nemmeno opzioni di avvio o connessione automatiche.

L’app iOS ha un’interfaccia leggermente diversa, con una barra laterale a sinistra dell’elenco delle posizioni e la schermata Connect, ma essenzialmente funziona allo stesso modo.

Il set di funzionalità è leggermente diverso. La versione iOS ottiene la possibilità di connettersi automaticamente quando si accede a determinati siti Web (ma non quando si accede a reti non affidabili) e di riconnettersi automaticamente se la connessione si interrompe. Ma non ha il sistema di tunneling diviso di Android.

È bello vedere queste funzionalità disponibili da qualche parte nella gamma, ma se utilizzi app su più piattaforme, è probabile che queste differenze siano fastidiose.

Metti tutto insieme e le app di PureVPN coprono abbastanza bene le basi. Il solo fatto di avere un sistema Preferiti e un elenco di posizioni recenti semplifica la riconnessione e mette le app davanti a molti concorrenti. Ma come abbiamo visto, anche qui ci sono problemi e le app sembrano un po’ sottodimensionate rispetto alle migliori app mobili delle VPN rivali là fuori.

Test delle app di Windows

Abbiamo riscontrato una serie di brutti problemi tecnici con l’app Windows di PureVPN nelle recensioni precedenti, ma l’ultima versione sarebbe migliore?

Le connessioni IKEv2 sono ora configurate con la migliore sicurezza possibile. Richiedono la crittografia, non salvano le credenziali in locale e IPv6 è disabilitato per impostazione predefinita.

La strana gestione del protocollo che abbiamo notato l’ultima volta (scegli OpenVPN UDP, l’app si connette tramite IKEv2) è stata corretta. Scegli un protocollo preferito ed è quello che verrà utilizzato dall’app. (Anche se, convenientemente, può anche passare a un altro protocollo se il primo fallisce.)

Infine, abbiamo verificato il kill switch dell’app. In teoria questo dovrebbe bloccare l’accesso a Internet se la VPN si interrompe, assicurando che i tuoi dati non vengano trasmessi su una connessione non crittografata alternativa. Ma non è sempre andata così.

Abbiamo eseguito uno strumento che controllava e mostrava ripetutamente il nostro indirizzo IP esterno, quindi provavamo vari modi per chiudere forzatamente la connessione. Spesso abbiamo visto apparire il nostro indirizzo IP normale una volta che la VPN è caduta, il che significa che una richiesta è stata inviata con successo (non protetta) attraverso la nostra normale connessione. Questa è una cattiva notizia, ma almeno l’app si è riconnessa molto rapidamente e le nostre connessioni IKEv2 sono state generalmente esposte per non più di otto secondi.

  Le migliori VPN economiche nel 2022

Prestazione

Abbiamo misurato le velocità PureVPN da località negli Stati Uniti e nel Regno Unito, utilizzando diversi siti e servizi di test delle prestazioni (sito Web e app della riga di comando di SpeedTest, TestMy.net, Fast.com di Netflix e altro). Controlliamo le velocità di download almeno cinque volte da ciascun sito, quindi ricontrolliamo utilizzando un altro protocollo, prima di ripetere tutto da capo in una sessione serale.

Le velocità di OpenVPN nel Regno Unito erano di 270 Mbps, posizionando PureVPN nella fascia medio-alta dei nostri risultati recenti. L’azienda non può eguagliare Hide.me (390 Mbps) o ProtonVPN (400-460 Mbps), ma supera comunque alcuni grandi nomi (IPVanish ha raggiunto 140-150 Mbps, CyberGhost ha raggiunto 170-210 Mbps).

Le velocità di IKEv2 nel Regno Unito erano scarse, tuttavia, a 100-110 Mbps. È molto simile ai 125 Mbps che abbiamo visto nella nostra ultima recensione, suggerendo che questo non è solo un punto debole.

Un problema di test (colpa nostra, non di PureVPN) significava che non abbiamo dati IKEv2 statunitensi, ma i download di OpenVPN erano leggermente inferiori a 210-220 Mbps.

C’è abbastanza velocità qui per molte situazioni, ma le massime prestazioni di PureVPN sono molto indietro rispetto alla concorrenza. La maggior parte delle VPN con supporto WireGuard raggiunge i 400 Mbps nei test e CyberGhost, IPVanish, Mozilla, NordVPN e pochi altri hanno raggiunto i 750 Mbps e oltre.

Tieni presente che, sebbene prendiamo più di 100 misurazioni della velocità di ciascuna VPN, potresti vedere risultati molto diversi a seconda della tua posizione e configurazione, quindi vale la pena fare la prova 7 ed eseguire alcuni test di velocità per conto tuo.

Netflix e streaming

La maggior parte delle VPN afferma di consentirti di accedere a contenuti geobloccati da qualsiasi parte del mondo e PureVPN non fa eccezione. ‘Film, programmi TV o eventi sportivi; PureVPN ti consente l’accesso istantaneo e illimitato ai tuoi contenuti preferiti”, afferma il sito web.

Le app non hanno posizioni di streaming specializzate, quindi devi scegliere un server nel paese di cui hai bisogno, connetterti e vedere se il tuo servizio di streaming è accessibile.

Ha funzionato perfettamente con BBC iPlayer, dove PureVPN ci ha fornito l’accesso completo da tutte e tre le nostre connessioni di prova.

È stata la stessa storia con Netflix statunitense, dove abbiamo trasmesso con successo i contenuti in tutte e tre le nostre località di prova.

La società non è riuscita a farci entrare in Amazon Prime Video, sfortunatamente, ma i nostri test si sono conclusi con una nota positiva con PureVPN che ha sbloccato con successo Disney Plus, ancora una volta da tutte e tre le località di prova, una prestazione complessiva decente.

Se lo sblocco è una priorità assoluta, tuttavia, provider come CyberGhost, ExpressVPN, Hide.me, Private Internet Access, ProtonVPN e Surfshark ci hanno portato tutti in ognuno dei nostri siti di test.

Recensione PureVPN: verdetto finale

PureVPN ti offre molte funzionalità ed è di grande valore, soprattutto se hai diversi membri della famiglia da coprire. Ma velocità inferiori alla media, supporto insignificante e problemi di app assortiti impediscono a questo servizio di competere con i migliori giocatori VPN in assoluto come ExpressVPN.

x