Recensione ExpressVPN 2022. Opinioni, Svantaggi, Vantaggi, Test, Prezzi

0 Condivisioni

Per gli utenti occasionali, la sicurezza e la velocità di ExpressVPN lo collocano ancora tra le nostre prime scelte. Il meglio continua a migliorare.

Per aiutarti a recuperare la tua privacy dal cosiddetto capitalismo della sorveglianza, aggiungi una VPN al tuo toolkit. Una VPN ti protegge instradando tutto il tuo traffico web attraverso una connessione crittografata a un server remoto, nascondendo la tua vera identità e proteggendo i tuoi dati personali. ExpressVPN è un eccellente servizio VPN, che vanta un’enorme presenza globale ed eccellenti pratiche di privacy per proteggere le tue informazioni.

Quanto costa ExpressVPN?

ExpressVPN ha tre opzioni di abbonamento: $ 12,95 fatturati ogni mese, $ 59,95 fatturati ogni sei mesi o $ 99,95 fatturati annualmente. Come con la maggior parte dei piani di servizio VPN, l’unica differenza è la durata dell’impegno.

L’azienda accetta pagamenti con tutte le principali carte di credito, PayPal e altri servizi come WebMoney. Puoi anche acquistare un abbonamento ExpressVPN con bitcoin.

Consigliamo ExpressVPN come una scelta eccellente sia per i principianti che per i professionisti della privacy.

Clicca qui per acquistare ExpressVPN con il nostro sconto (sconto applicato automaticamente dopo aver cliccato sul link)

*lo sconto si applica solo se acquisti un abbonamento per 1 anno o più

Velocità

  • Perdita di velocità media: 22% di velocità persa / 2022 test
  • Numero di server: oltre 3.000
  • Numero di posizioni del server: (quattro a Hong Kong)
  • Numero di indirizzi IP: 30.000

Ho eseguito i miei test di velocità ExpressVPN nel corso di tre giorni, utilizzando sia connessioni wireless che Ethernet. Le velocità di Internet negli Stati Uniti variano ampiamente in base allo stato e al provider. E con qualsiasi test di velocità, i risultati dipenderanno dalla tua infrastruttura locale, con il servizio Internet iperveloce che produce risultati di velocità di test più elevati. Questo è uno dei motivi per cui siamo più interessati alla quantità di velocità persa, che in genere è la metà o più per la maggior parte delle VPN.

Nel caso di ExpressVPN, sono rimasto deluso nel vedere una perdita di velocità del 22% nei test del 2022 rispetto alla sua imbattibile perdita di velocità del 2% misurata nel 2020. Non commettere errori, ExpressVPN è ancora un demone della velocità. Durante i miei test del 2020, le mie velocità non VPN erano in media di 193 Mbps e la velocità media globale complessiva di ExpressVPN era di 93 Mbps. Le velocità di picco sono state raggiunte sulle connessioni europee, con una media di circa 122 Mbps tra Francoforte, Berlino e Parigi.

Le velocità australiane hanno sovraperformato il Regno Unito con una media rispettivamente di 101 Mbps e 86 Mbps. Tra i due, tuttavia, il Regno Unito ha ottenuto il punteggio più alto individuale, raggiungendo il massimo a 157 Mbps in un singolo test rispetto al punteggio più alto dell’Australia in un singolo round di 136 Mbps. I punteggi di Singapore hanno anche superato quelli del Regno Unito di soli tre punti a 89 Mbps. I punteggi degli Stati Uniti sono stati i punti in cui le medie di ExpressVPN sono state trascinate al ribasso: le velocità degli Stati Uniti erano in media di soli 66 Mbps, nonostante raggiungessero fino a 134 Mbps in un singolo round di test.

Dopo essere tornato indietro per controllare la mia attrezzatura e ottenere la stessa gamma di velocità in un nuovo test, i miei risultati sono apparsi coerenti con altri siti di cui mi fido dei test di velocità automatizzati. Ho contattato ExpressVPN per scoprire cosa sta succedendo con i recenti cali di velocità. L’azienda ha esaminato la questione e ha affermato che molti dei suoi test interni vedevano velocità comprese tra 200 e 275 Mbps utilizzando il protocollo OpenVPN, risultati di gran lunga superiori ai miei.

“Pensiamo che una possibile spiegazione sia che si è verificata una saturazione di rete tra il tuo ISP e il nostro data center durante il periodo di tempo che hai testato, il che, ancora una volta, non dovrebbe essere un risultato tipico”, ha affermato un portavoce di ExpressVPN.

La società ha anche affermato che le velocità potrebbero essere migliorate man mano che trasferisce la sua infrastruttura OpenVPN a Lightway, un protocollo interno basato su Wireguard, attualmente in fase di sviluppo.

Costo

  • Usabilità: interfaccia fluida e facilmente navigabile
  • Piattaforme: Mac, Windows, Android, iOS, Linux e molti altri
  • Prezzo: 3 mesi gratuiti con piano di abbonamento di 1 anno
  • Numero di connessioni simultanee: 5

La sua interfaccia pulita, le opzioni server facili da navigare e la connessione con un clic rendono ExpressVPN una scelta accogliente per i nuovi arrivati ​​VPN. ExpressVPN ha quasi tutte le stesse opzioni di configurazione che probabilmente troverai nelle VPN rivolte a utenti esperti, ma è molto più amichevole per i principianti attenti alla privacy. ExpressVPN offre anche assistenza clienti 24 ore su 24, 7 giorni su 7 tramite chat dal vivo, con un’opzione e-mail e una serie di video tutorial.

L’installazione sia su desktop che su dispositivi mobili è un gioco da ragazzi. Non funziona solo sulla maggior parte dei sistemi operativi, desktop o mobili, ma su 10 console di streaming multimediale, nove marche di router e persino e-reader. ExpressVPN non impone limiti di dati, consente il passaggio illimitato di server e il torrenting e non abbiamo avuto problemi a utilizzarlo per accedere a Netflix. A differenza di alcuni concorrenti, tuttavia, puoi eseguire solo cinque dispositivi contemporaneamente su un unico abbonamento.

Il prezzo è leggermente superiore a quello di molti dei suoi concorrenti, ma siamo comunque convinti che ne valga la pena. Il miglior piano di ExpressVPN ha un prezzo di $ 6,67 al mese per un pacchetto annuale, che include tre mesi gratuiti. Offre una garanzia di rimborso di 30 giorni. Puoi pagare con carta di credito, PayPal o tramite Bitcoin.

Clicca qui per acquistare ExpressVPN con il nostro sconto (sconto applicato automaticamente dopo aver cliccato sul link)

*lo sconto si applica solo se acquisti un abbonamento per 1 anno o più

Sicurezza e privacy

  • Giurisdizione: Isole Vergini Britanniche
  • Crittografia: AES-256, chiave RSA a 4096 bit, Perfect Forward Secrecy
  • Nessuna perdita rilevata
  • Include kill switch

Ci piace che ExpressVPN abbia sede nelle Isole Vergini britanniche, che è generalmente considerato un paese rispettoso della privacy a causa della mancanza di accordi di condivisione della sorveglianza con altri paesi. Sebbene siano un territorio del Regno Unito, le Isole Vergini britanniche sono una giurisdizione legale separata dal Regno Unito senza leggi sulla conservazione dei dati, la cui Alta Corte nazionale è storicamente contraria alle richieste di documenti aziendali extranazionali.

La sua crittografia è standard AES-256 e supporta Perfect Forward Secrecy, il che significa che cambia frequentemente le chiavi di crittografia per evitare compromessi sulla sicurezza. L’azienda offre un’utile funzione di kill switch, che impedisce ai dati di rete di fuoriuscire dal suo tunnel VPN sicuro nel caso in cui la connessione VPN si interrompa.

La lunga politica sulla privacy di ExpressVPN è esplicita nella sua posizione contro la conservazione dei registri dei dati di identificazione personale degli utenti. Come quasi tutte le VPN, raccoglie dati relativi alla manutenzione, comprese le scelte di posizione del server, la quantità totale di dati trasferiti, il tempo di connessione al server e le versioni dell’app che hai installato. Puoi scegliere di inviare i rapporti sugli arresti anomali dell’azienda per migliorare la diagnostica.

Uno dei modi più chiari in cui un provider VPN può dimostrare che non tiene alcun registro è che i suoi server vengano sequestrati dalle autorità. Questo è esattamente quello che è successo a ExpressVPN nel 2017, quando un’indagine sull’assassinio nel 2016 dell’ambasciatore turco russo, Andrei Korlov, ha portato le autorità turche a sequestrare uno dei server di ExpressVPN alla ricerca di registri di conversazioni criminali. Le autorità sono arrivate a mani vuote e da allora ExpressVPN ha mantenuto una reputazione senza registri.

Nel 2019, l’azienda è entrata in modalità disco RAM, il che significa che non memorizza nulla sui dischi rigidi. Non è qualcosa che ogni VPN offre. NordVPN, ad esempio, è passata all’utilizzo completo del disco RAM solo come risposta di sicurezza dopo la violazione di quest’anno. Detto questo, circa il 3% della flotta di server di ExpressVPN sono server virtuali (che spesso si dice siano meno sicuri delle macchine fisiche), ma quei server virtuali, afferma la società, sono limitati all’uso per i paesi senza un’infrastruttura di rete di supporto sufficiente, o quelli dove avere hardware sarebbe più rischioso, come la Turchia.

  Le migliori VPN per Chrome in 2022 (Dicembre)

Durante i nostri test non sono stati rilevati indirizzi IP, DNS o altri dati potenzialmente identificativi dell’utente. Anche così, raccomandiamo una certa cautela qui. In precedenza, nel 2019, i revisori di ProPrivacy hanno rilevato una perdita di IPv6 sia su MacOS che su Windows durante i test. Quella perdita non dovrebbe sorprendere, però; è noto che una tecnologia integrata nella maggior parte dei browser chiamata WebRTC, utilizzata per consentire l’esecuzione di applicazioni vocali e video, presenta problemi di perdita di dati, anche se si utilizza una VPN.

Questo tipo di perdita potrebbe compromettere la tua identità e posizione ma, nonostante sembri complicato per l’utente medio, è semplice da evitare. I componenti aggiuntivi del browser di ExpressVPN colmano la maggior parte delle lacune e puoi ottenerli gratuitamente tramite la procedura dettagliata dell’azienda sulla disabilitazione di WebRTC. Puoi anche testare tu stesso le perdite di IPv6, indipendentemente dal sito di ExpressVPN, andando al sito ampiamente utilizzato Prova di tenuta IPv6.

Torrenti

ExpressVPN non sembra molto adatto ai torrent a prima vista, poiché il suo sito Web non sembra menzionare affatto l’argomento. C’è così poca consapevolezza del torrent che se digiti “p2p” nella casella di ricerca della knowledge base, ad esempio, presume che tu abbia commesso un errore e cerchi invece “pap”.

Non c’è bisogno di preoccuparsi, però, ExpressVPN non sta cercando di nascondere nulla. Abbiamo esaminato le FAQ, eseguito alcuni test e alla fine abbiamo scoperto la verità.

Il servizio non solo supporta i torrent, ma evita anche i problemi e i fastidi comuni che spesso incontrerai con altri provider.

Ad esempio, gli utenti Torrent non sono obbligati a utilizzare un numero limitato di server sovraccarichi. Puoi scegliere dal set completo di posizioni ExpressVPN.

Non ci sono nemmeno catture relative alla larghezza di banda o al trasferimento. La società non ha un limite di dati e afferma che non ridurrà mai la tua connessione.

Considera altre caratteristiche chiave del servizio: nessun registro delle attività, molte posizioni, app per tutto, supporto per Bitcoin, garanzia di rimborso di 30 giorni e ExpressVPN sembra un’ottima scelta di VPN per tutte le tue esigenze di torrent.

Registrazione

Dai un’occhiata al tipico sito Web VPN e di solito troverai “NO LOGS!” affermazioni visualizzate in modo prominente in un carattere molto grande, ma spesso dietro a ciò c’è una politica sulla privacy che ti fornisce pochissimi dettagli su qualsiasi dettaglio o rivela che l’azienda registra alcune delle tue informazioni, dopotutto.

ExpressVPN fa le cose in modo leggermente diverso. La prima pagina del sito Web non ha alcun vanto “zero log”, ad esempio, e devi andare a una pagina “Cos’è la VPN” per dare una prima occhiata alla posizione dell’azienda: “La privacy è un diritto fondamentale . Non conserviamo i registri delle connessioni o delle attività e non condividiamo mai i tuoi dettagli con nessuno.’

Se hai bisogno di più, l’azienda non ti obbliga a cercare i dettagli rilevanti tra 2.000 parole di caratteri piccoli ricchi di gergo. Basta fare clic su un collegamento all’interno dell’istruzione “no log” per accedere a una pagina “Politica verso i log” scritta in modo chiaro che spiega cosa raccoglie ExpressVPN, cosa non lo fa, perché il servizio funziona in questo modo e cosa significa per gli utenti.

La pagina afferma che il servizio non conserva alcun registro del tuo indirizzo IP quando ti connetti a ExpressVPN, o del tempo in cui hai effettuato l’accesso, dell’indirizzo IP VPN che ti è stato assegnato o di qualsiasi informazione sui siti Web o sulle pagine che hai stai visitando (anche tramite richieste DNS) o il tuo traffico.

C’è ancora un po’ di registrazione. L’azienda registra ogni data in cui ti connetti al servizio e la tua scelta del server. Ma poiché non memorizza il tempo di connessione o l’indirizzo IP che ti è stato assegnato, non c’è modo che nessuno possa utilizzare questi dati per collegare definitivamente un’azione Internet a un account ExpressVPN specifico.

L’azienda registra anche il numero di versione di tutti i client che hai installato, insieme alla quantità totale di dati che hai trasferito ogni giorno. Anche questi dati non costituiscono alcun tipo di rischio per la privacy e non abbiamo dubbi che altre VPN facciano cose simili: semplicemente non lo ammettono.

ExpressVPN ha sede nelle Isole Vergini britanniche. Nonostante le sue piccole dimensioni, BVI regola i propri affari e il Regno Unito e gli Stati Uniti non hanno giurisdizione per obbligare automaticamente ExpressVPN a rilasciare alcun dato.

Il BVI non fa parte di “14 Eyes”, l’accordo di condivisione dell’intelligence noto anche come SIGINT Seniors Europe (SSEUR), e non è noto per essere parte di nessuno dei suoi accordi di condivisione dell’intelligence.

In breve, qualsiasi aspirante denunciante dovrebbe sollevare la propria questione presso l’Alta Corte delle BVI, dimostrare che i documenti relativi a un reato grave (uno punibile con un anno o più di carcere se è accaduto nelle BVI) e spiegare come tali registrazioni fornirebbero prove rilevanti per quel caso. È difficile vedere come i record minimi di ExpressVPN possano fornire prove utili di qualsiasi cosa.

C’è molto da apprezzare qui. È chiaro che ExpressVPN comprende i problemi da affrontare e sta compiendo notevoli sforzi per spiegarli, in modo corretto e completo, ai propri clienti. Questo di per sé è rassicurante e un enorme miglioramento delle politiche sulla privacy prive di dettagli di molte VPN.

Netflix e streaming

Per avere un’idea delle capacità di sblocco di ExpressVPN, abbiamo eseguito diversi test, verificando se potevamo accedere a Netflix statunitense, Amazon Prime Video, BBC iPlayer e Disney Plus da una selezione di server ExpressVPN.

Quest’anno Netflix ha combattuto le VPN ancora più duramente del solito e ora blocca molti provider. ExpressVPN non è ancora battuto, tuttavia, e il servizio ci ha portato a Netflix con due delle nostre tre località di prova.

Amazon Prime Video è stato relativamente semplice. Abbiamo provato a connetterci a tre server ExpressVPN e siamo stati in grado di trasmettere in streaming contenuti statunitensi ogni volta.

È stata la stessa storia con BBC iPlayer, dove abbiamo avuto accesso da tutte e quattro le sedi di ExpressVPN nel Regno Unito.

Anche ExpressVPN si è concluso con una nota forte, bypassando istantaneamente la protezione Disney Plus con la prima posizione che abbiamo provato (anche la seconda e la terza hanno funzionato).

Questi sono ottimi risultati, ma una VPN di qualità non serve solo a farti accedere subito, ma anche a cosa succede se una piattaforma blocca una nuova gamma di IP e il tuo server preferito non funziona più.

Reclama molte VPN e loro risponderanno semplicemente che “non garantiamo l’accesso a nessuna piattaforma di streaming”, lasciandoti solo.

Nelle rare occasioni in cui abbiamo riscontrato problemi di sblocco con ExpressVPN, abbiamo aperto una sessione di chat dal vivo, abbiamo parlato con un agente in un paio di minuti e abbiamo ricevuto consigli sulle posizioni da provare, altri consigli per la risoluzione dei problemi o ci è stato detto che è un problema noto che verrà risolto presto (che è sempre stato vero). Molto più utile.

Configurazione del cliente

Ottenere un client VPN installato e funzionante correttamente a volte può essere una sfida, ma il sito Web ExpressVPN ben progettato è stato chiaramente impostato per ridurre al minimo i problemi.

Accedi alla dashboard del tuo account, ad esempio, e non devi cercare un link per il download. Il sito Web rileva il tipo di dispositivo che stai utilizzando, visualizza un pulsante Download per quel client e consente di prelevarne una copia con un clic.

Se hai bisogno di qualcosa per un’altra piattaforma, fai clic su “Configura su tutti i tuoi dispositivi” per accedere a un vasto elenco di opzioni, tra cui Windows, iOS, Amazon Fire, Mac, Android, Linux e altro ancora. Toccando uno di questi vengono visualizzati più collegamenti e istruzioni per il download.

Anche questi sono molto più utili di quanto ti aspetteresti. Tocca il link “Android” con la maggior parte delle VPN e probabilmente verrai reindirizzato a Google Play. ExpressVPN ha un collegamento al Play Store, ma ti fornisce anche un codice QR, un pulsante per inviarti un’e-mail con un link di configurazione (ideale se devi installarlo su un altro dispositivo) e persino un’opzione per gli esperti per scaricare direttamente il file APK.

  Le migliori VPN di gioco 2022 (Dicembre)

Con un semplice tocco di configurazione, ExpressVPN non ti obbliga a trovare e inserire manualmente il tuo nome utente e password. Invece, tutto ciò che devi fare è copiare il codice di attivazione univoco visualizzato nella pagina di download e incollarlo nel client quando richiesto. Il software quindi imposta automaticamente le credenziali di accesso e non dovrai affatto pensare a nomi utente e password. (Molto utile se, ad esempio, stai utilizzando un gestore di password e non sai nemmeno quali sono le tue password.)

L’altra opzione è configurare un client OpenVPN di terze parti. ExpressVPN rende tutto molto più semplice fornendo file di configurazione OVPN con nomi ragionevoli (my_expressvpn_argentina_udp.ovpn, al contrario di qualcosa come ar1.nordvpn.com.udp1194.ovpn di NordVPN) e abbiamo installato il client OpenVPN Connect in pochi minuti.

client Windows

Il client Windows di ExpressVPN ha un’interfaccia comoda e familiare che ti fa sentire subito a casa. Un grande pulsante On/Off ti consente di attivare il servizio quando richiesto, un chiaro display di stato mostra il server corrente, un pulsante Scegli posizione consente di selezionare qualcos’altro e un pulsante del menu in alto a sinistra offre un rapido accesso ad altre funzionalità.

Ci sono molti modi per scegliere il miglior server. Una funzione Smart Location seleziona il server più vicino. Puoi fare doppio clic su un paese per accedere alla sua posizione migliore o sfogliare ogni luogo all’interno di un paese e sceglierne uno manualmente. Una casella di ricerca ti consente di trovare posizioni per parola chiave, puoi aggiungere singole posizioni a un elenco Preferiti e la tua ultima posizione è sempre a portata di clic.

Il client fa anche un uso intelligente della sua icona nella barra delle applicazioni. Facendo clic con il pulsante destro del mouse viene visualizzato un menu che include le ultime tre posizioni e scegliendo una di queste ti connetterai immediatamente, senza dover aprire il client completo.

L’elenco delle posizioni inizialmente non mostra alcuna informazione sulla velocità dei suoi server, cosa che può aiutarti a scegliere la posizione più veloce. Il client ha una funzione di test di velocità che può aggiungerlo per te e fornisce informazioni molto più utili rispetto alla concorrenza, inclusa la latenza e una stima della velocità di download.

Una finestra di dialogo Impostazioni capace ti consente di scegliere tra sei varianti di protocollo: il nuovo Lightway nei moduli UDP o TCP, OpenVPN UDP o TCP, L2TP – IPSec e IKEv2.

Altrove, un kill switch blocca tutto il traffico Internet se la connessione VPN si interrompe, riducendo la possibilità di perdite di dati. Non c’è alcuna configurazione coinvolta in questo, è abilitato per impostazione predefinita e sempre pronto a proteggere la tua privacy.

Funziona anche. Abbiamo utilizzato diversi trucchi per chiudere forzatamente sia le connessioni OpenVPN che IKEv2, ma il client ha gestito tutto perfettamente, bloccando il traffico Internet, tenendoci informati con una notifica desktop e riconnettendosi in pochi secondi.

I tocchi tecnici di basso livello includono la protezione da perdite IPv6 di base e la possibilità di funzionare con i server DNS predefiniti quando si utilizza la VPN (per impostazione predefinita, utilizzerai ExpressVPN).

Uno dei punti salienti dell’app è il supporto per lo split tunneling, una tecnologia intelligente che consente di definire quali app utilizzano la VPN e quali utilizzano la normale connessione Internet. Se un’applicazione non funziona quando la tua VPN è attiva (ad esempio, un client di posta elettronica), puoi invece farle utilizzare la tua normale connessione Internet. E se usi la tua VPN solo per una o due applicazioni, un browser, un client torrent, il reindirizzamento di tutto il resto fuori dal tunnel VPN potrebbe migliorare le prestazioni di quelle app.

App per Android

Se non conosci ExpressVPN, l’installazione dell’app per Android funziona come tutte le altre. Vai al Play Store, trova l’app, installala come al solito e completa la procedura di registrazione.

Se hai già impostato un account ExpressVPN, ci sono alcune opzioni più semplici. Siamo andati alla console web di ExpressVPN sul nostro sistema Windows, abbiamo scelto la pagina Configurazione > Android, abbiamo scansionato il codice QR e scaricato e installato automaticamente l’app (il tuo telefono deve consentire installazioni dall’esterno del Play Store affinché funzioni).

Dovevamo ancora fare un paio di scelte di configurazione di base, ad esempio decidere se volevamo consentire all’app di inviare analisi anonime a ExpressVPN, ma per il resto il processo è stato completato in pochi secondi.

L’app ha un bell’aspetto, con interfacce verticali e orizzontali adatte ai tablet e funziona più o meno allo stesso modo dell’edizione Windows. Un eccellente Location Picker rende facile e veloce trovare e riconnettersi a determinati server, puoi connetterti e disconnetterti con un clic e l’interfaccia semplice ti consente di controllare la tua posizione attuale e lo stato della VPN Android a colpo d’occhio.

Un menu Strumenti per la privacy e la sicurezza aggiunge alcune funzioni utili per aiutarti a controllare la tua connessione, con opzioni per visualizzare l’indirizzo IP e la posizione correnti, verificare la presenza di perdite DNS e WebRTC e generare password sicure. ExpressVPN ha avuto la maggior parte di questi strumenti sul suo sito Web per un po’ di tempo, ma è molto più comodo accedervi dall’interno delle app.

Le nuove funzionalità includono una casella Riepilogo protezione con i dettagli della tua posizione attuale o VPN, indirizzo IP e per quanto tempo hai utilizzato il servizio di recente. Non vediamo alcun grande bisogno di un grafico che ci mostri che utilizziamo la VPN principalmente il mercoledì (ad esempio), ma le informazioni sulla posizione e sull’IP sono utili e, se non ti piace il Riepilogo protezione, puoi trasformarlo disattivato in Impostazioni.

L’app Android esclude alcune delle funzionalità più avanzate del client Windows. Non esiste alcun test di velocità, ad esempio, il che significa che l’elenco delle posizioni non ha alcuna indicazione di quanto possa essere veloce, lento o sovraccarico un server.

La sezione Impostazioni non ti dà alcun controllo sul DNS, ma compensa con un kill switch integrato e il supporto per l’ultimo protocollo Lightway di ExpressVPN, nonché OpenVPN UDP e TCP.

Altrove, lo split tunneling, una pratica aggiunta bonus, consente di definire quali app dovrebbero o non dovrebbero utilizzare la VPN. Se sei interessato solo a Netflix, ad esempio, puoi configurare ExpressVPN per incanalare il traffico dell’app Netflix attraverso il tunnel, consentendo a tutto il resto di passare attraverso la tua normale connessione, forse migliorando le prestazioni.

La funzione di connessione automatica è particolarmente gradita, in quanto facoltativamente ti connette alla VPN ogni volta che ti unisci a reti non affidabili.

La funzione “Scorciatoie per app e siti Web” fornisce una barra degli strumenti configurabile nella finestra di connessione che può contenere fino a cinque scorciatoie per le tue app preferite. È un’idea molto semplice, ma utile, che facilita l’avvio delle app di uso comune con un tocco non appena sei connesso.

I problemi? Se tutto ciò non funziona come previsto, la nuova guida in-app ti offre un rapido accesso ai documenti di supporto senza dover andare al sito Web, mentre un link “Inviaci un’e-mail” dovrebbe darti più assistenza pratica quando necessario .

Non ha tutte le funzionalità di livello esperto che otterrai con alcune app (ad esempio non puoi impostare i tuoi server DNS preferiti), ma l’offerta Android di ExpressVPN ha funzionalità più che sufficienti per la maggior parte delle persone, pur rimanendo facile usare. Ancora meglio, installa l’app e potrai provare il servizio gratuitamente per sette giorni, un’offerta che non otterrai se ti iscrivi al sito. Se sei interessato alle app VPN per Android, ExpressVPN deve essere nella tua lista.

app per iOS

L’app iOS di ExpressVPN si apre con la stessa interfaccia semplice e pulita che vedrai su altre piattaforme: una posizione consigliata, un grande pulsante Connetti per collegarti online e un pulsante del menu per esplorare ulteriormente.

Il Selettore di posizione ben progettato offre diversi modi per trovare città o paesi specifici, oltre a mantenere un elenco di connessioni recenti e consente di aggiungere le posizioni di uso comune ai preferiti.

Come con l’app per Android, l’edizione iOS ti consente di cambiare server senza prima chiudere manualmente la connessione corrente. Questo ti fa risparmiare solo un tocco, ma se cambi regolarmente server, sarà un gradito vantaggio in termini di usabilità.

  Le migliori VPN per Mac 2022 (Dicembre)

La scelta del protocollo include IKEv2, OpenVPN UDP e TCP, ma non ancora Lightway.

Sebbene l’app non disponga di un kill switch, la sua opzione di riconnessione automatica tenta di ristabilire il tunnel se la connessione si interrompe.

Come il suo cugino Android, l’app iOS ha un menu Strumenti per la privacy e la sicurezza in cui troverai modi per confermare che il tuo indirizzo IP è cambiato, proviene dal paese selezionato e la VPN non ha perdite DNS o WebRTC.

Abbiamo visto più app VPN ricche di funzionalità, ma nel complesso l’offerta iOS di ExpressVPN è piacevole, facile da usare e offre le funzionalità di cui è probabile che la maggior parte delle persone abbia bisogno. E se desideri provare tu stesso il servizio, buone notizie: come con Android, è disponibile una prova di 7 giorni senza rischi.

Estensioni del browser

I client ExpressVPN sono generalmente molto raffinati e facili da usare, ma non sono l’unico modo per lavorare con la VPN. L’azienda offre anche estensioni per Chrome e Firefox che consentono di controllare il client e il servizio direttamente dal browser.

A differenza di quasi tutti i provider VPN, le estensioni del browser di ExpressVPN non sono semplici proxy. Sono interfacce basate su browser per il tuo client Windows, Mac o Linux: non funzioneranno a meno che tu non le abbia installate. È scomodo, ma ci sono anche alcuni vantaggi importanti.

Avvia l’estensione del browser di ExpressVPN, ad esempio, ed è in grado di comunicare con il client desktop e leggerne lo stato. La posizione predefinita sarà la stessa del client e, se il client è attualmente connesso, il tuo interno lo rifletterà.

Puoi controllare il client desktop anche dal browser. Se desideri sbloccare un singolo sito Web, puoi scegliere una posizione VPN all’interno del tuo browser, connetterti ad esso, eseguire la navigazione di cui hai bisogno e disconnettere ExpressVPN quando hai finito. È tutto molto veloce e conveniente, senza la necessità di passare avanti e indietro tra il browser e il client ExpressVPN.

Funziona bene a livello semplice. L’interfaccia dell’estensione del browser assomiglia molto ai normali client e app, con un sistema simile per la navigazione e la selezione delle posizioni.

Poiché è solo un frontend di base per il motore desktop, non sorprende che l’estensione abbia alcune limitazioni. Non esiste un sistema Preferiti, ad esempio, o nessun test di velocità. Ci sono anche solo due opzioni significative (“Connetti all’avvio del browser” e “Mostra notifiche desktop”), anche se puoi aprire la finestra di dialogo Impostazioni dell’app desktop direttamente dall’estensione del browser.

Ci sono anche buone notizie, con alcuni strumenti per la privacy di benvenuto. Sia l’estensione Chrome che ora l’estensione Firefox includono impostazioni per impedire che la geolocalizzazione HTML5 riveli la tua posizione reale mentre sei connesso alla VPN, oltre a bloccare le perdite WebRTC a livello di browser e utilizzare HTTPS Everywhere per forzare automaticamente le connessioni all’HTTPS versioni di siti Web ogni volta che sono disponibili.

La localizzazione migliorata significa che le estensioni sono ora disponibili in 17 lingue: danese, olandese, inglese, finlandese, francese, tedesco, italiano, giapponese, coreano, norvegese, polacco, portoghese, russo, spagnolo, svedese, tailandese e turco.

L’estensione del browser non sarà per tutti, soprattutto perché è necessario che l’app sia installata per utilizzarla. Ma la possibilità di controllare l’applicazione dall’interno del browser è una funzionalità davvero utile che non troverai con la concorrenza e, nel complesso, è un’aggiunta molto utile al pacchetto.

Supporto

Proprio come qualsiasi altra tecnologia di rete, una VPN può comportarsi male in molti modi e capire esattamente cosa sta succedendo può essere una vera sfida. Ecco perché anche l’utente più esperto può beneficiare di un supporto VPN di qualità.

Il sito di supporto di ExpressVPN inizia bene con il suo lungo elenco di guide per la risoluzione dei problemi. Sia che tu stia cercando di diagnosticare velocità basse o connessioni interrotte, comprendere i messaggi di errore, modificare la password o cancellare il tuo account, ci sono informazioni utili a portata di mano.

La maggior parte degli articoli sono ben scritti e vengono forniti in tutte le aree chiave. Non presuppongono conoscenze tecniche, si prendono invece il tempo di spiegare il background, offrendo più suggerimenti per risolvere la maggior parte dei problemi e collegandosi ad altri articoli pertinenti. Ad esempio, mentre altre VPN potrebbero avere una singola riga che suggerisce di “provare un altro server” per aiutare a diagnosticare problemi di velocità, ExpressVPN si collega anche a un articolo dettagliato che spiega come trovare la posizione migliore per te.

Gli articoli di installazione sono ancora più impressionanti. Ad esempio, non ottieni solo un tutorial di installazione generico per piattaforma. Sono disponibili guide che illustrano come installare l’app, come impostare connessioni manuali o utilizzare app di terze parti come la GUI di OpenVPN. E non si tratta solo di Windows. Troverai tutorial per Mac, iOS, Android, Linux, Chromebook, eBook, BlackBerry, Smart TV, router e… beh, hai un’idea.

Un accurato motore di ricerca esegue la scansione di oltre 250 di questi articoli per trovare ciò che si adatta alle tue esigenze. È estremamente piacevole inserire parole chiave su un sito di supporto VPN e visualizzare effettivamente molti contenuti utili. OpenVPN ha 39 hit, DNS 53, ce ne sono 61 per Android, 17 per Ubuntu, 8 per DD-WRT e l’elenco potrebbe continuare.

Se il sito Web non può aiutarti, il team di supporto di ExpressVPN è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7 via e-mail e chat dal vivo.

ExpressVPN consiglia la chat dal vivo per i risultati più rapidi, ma abbiamo comunque inviato una domanda e-mail di prova per verificare i tempi di risposta. Sebbene l’azienda suggerisca che potrebbero essere necessarie fino a 24 ore per rispondere, abbiamo ricevuto un messaggio amichevole, dettagliato e utile in meno di un’ora. È molto più veloce di quanto ci aspettassimo e la risposta conteneva tutto ciò di cui avevamo bisogno per diagnosticare e risolvere il nostro problema.

Anche la chat dal vivo si è comportata molto bene. Abbiamo eseguito diversi controlli sul servizio, c’erano sempre agenti disponibili e in genere abbiamo avuto una prima risposta genuina (un vero commento sui nostri problemi, non solo un messaggio automatico “Sono Steve e sono qui per aiutarti” bot- digitare risposta) entro due o tre minuti.

Anche la qualità del supporto tramite chat è stata ben al di sopra della media, con l’agente che ha trascorso 30 minuti pazientemente a guidarci attraverso alcuni passaggi diagnostici ben scelti.

Se sei un esperto di networking, si è tentati di presumere che questo non abbia molta importanza. Sai cosa stai facendo, quindi non c’è bisogno di pagare un sovrapprezzo per questo tipo di presa, giusto?

Bene, forse, ma tieni presente che c’è di più nel supporto VPN che spiegare i tecnicismi geek di basso livello. Abbiamo anche chiesto informazioni su problemi di stato del sistema come problemi di connessione temporanei o sul miglior server da utilizzare per Netflix statunitense o Amazon Prime. A differenza di alcuni fornitori, non è necessario attendere un giorno per ricevere una risposta via e-mail: abbiamo sempre ricevuto consigli utili in pochi minuti dalla richiesta e la capacità di ottenere un aiuto rapido fa un’enorme differenza per l’esperienza complessiva del servizio.

Recensione ExpressVPN: verdetto finale

Questa è una VPN di alta qualità che ha superato le nostre aspettative in tutto, dal supporto della piattaforma e della privacy, alla facilità d’uso, alle capacità di sblocco e al suo eccellente supporto. È più costoso della maggior parte, ma puoi capire perché: questo è un servizio raffinato, potente e professionale.

x