Come recuperare un file da Windows Defender su Windows 10

0 Condivisioni

Windows Defender blocca in modo proattivo le minacce. Non si limita alla scansione di eseguibili o script. Eseguirà la scansione di tutti i tipi di file inclusi archivi, immagini, documenti, fogli di calcolo e altro. L’antivirus in realtà non chiede agli utenti se desiderano eseguire la scansione di un particolare file o directory. Ogni volta che rileva nuovi file, li scansionerà e cancellerà automaticamente tutto ciò che ritiene dannoso. L’unico problema è che ottiene falsi positivi ed elimina i file che sono sicuri.

Recupera file da Windows Defender

Per recuperare un file eliminato da Windows Defender, avrai bisogno dei diritti di amministratore. Avrai anche bisogno di un’app di recupero file.

Controllare questo -   Qual รจ la differenza tra Windows e Windows Server?

Nota: NON ripristinare un file a meno che tu non sappia per certo che è sicuro.

1. Consenti file in Windows Defender

Prima di poter recuperare un file eliminato da Windows Defender, è necessario contrassegnarlo come sicuro per il proprio sistema.

Apri Windows Defender.
Vai alla scheda Protezione da virus e minacce.
Fare clic su “Cronologia protezione”.
Vedrai un elenco di tutti i file che Windows Defender ha bloccato.
Fare clic sul menu a discesa accanto al file che si desidera ripristinare.
Seleziona Consenti.

2. Recuperare file cancellati

Dopo aver autorizzato il file sul tuo sistema, puoi ripristinarlo. È necessaria un’app di ripristino e puoi utilizzare qualsiasi app di tua scelta, ma per una soluzione rapida e gratuita, usa l’app Windows File Recovery.

Controllare questo -   Come disabilitare l'eliminazione automatica per il Centro operativo su Windows 10

Installa l’app Windows File Recovery da il Microsoft Store.
Apri il prompt dei comandi con i diritti di amministratore.
Eseguire il seguente comando dopo aver modificato i percorsi.
L’unità di origine deve essere sostituita con l’unità da cui è stato eliminato il file.
La cartella di destinazione deve essere sostituita con la posizione in cui deve essere salvato il file ripristinato e NON dovrebbe trovarsi sulla stessa unità da cui stai ripristinando il file.
.file-extension dovrebbe essere sostituito con l’effettiva estensione del file che stai tentando di recuperare.
Non modificare “/ n”.

winfr source-drive: destination-folder  /n *.file-extension

Esempio

winfr C: "D:Recovered File" /n *.docx

Tocca il tasto “y” quando l’app richiede la conferma.
Una volta eseguito il comando, apri la cartella di destinazione in Esplora file e il file dovrebbe essere lì.

Controllare questo -   Come gestire i canali sinistro / destro per le cuffie Bluetooth su Windows 10

Conclusione

Il ripristino dei file dovrebbe essere eseguito non appena ti accorgi che un file è stato eliminato o rimosso. In genere non è una buona idea consentire al sistema di spegnersi e riaccendersi tra l’eliminazione e il ripristino. Potresti ancora essere in grado di recuperare un file dopo più riavvii, ma potrebbe essere danneggiato. Esistono app a pagamento che potrebbero funzionare meglio se hai già riavviato il sistema più volte ma non ci sono garanzie.